Gigi Proietti

Like
408
Creberg Teatro Bergamo
Gigi Proietti
26 Mag
Martedi'
2015

CAVALLI DI BATTAGLIA

Gigi Proietti, ritorna, dopo tre anni di assenza dai teatri, con parte del suo repertorio, i famosi “Cavalli di battaglia”, i pezzi migliori, gli intramontabili, quelli che solitamente il pubblico “pretende” di vedere e che fanno parte del bagaglio artistico di chiunque faccia spettacolo (sia attore o cantante), con lo stile che da sempre lo contraddistingue: contaminazione di generi, parti recitate, cantate, accompagnato da un gruppo musicale diretto dal M° Mario VIcari e con la partecipazione di Marco Simeoli e Claudio Pallottini, affezionati attori che oramai da diversi anni accompagnano Proietti nei suoi spettacoli, rigorosamente scelti, come sempre fra gli ex allievi del suo famoso “Laboratorio”. Tutti ormai professionisti affermati, ma sempre con la voglia di divertirsi , ogni tanto, a recitare insieme al loro Maestro i brani del suo vasto repertorio.Fanno parte dello spettacolo le due figlie, Susanna e Carlotta che sorprenderanno il pubblico sia per le loro qualità vocali, sia per la vis comica (del resto come si usa dire “buon sangue non mente”)Uno spettacolo che emozionerà come sempre gli spettatori regalando loro momenti di grande spensieratezza.P.S. è anche l’occasione per festeggiare insieme i 50 anni di carriera di Gigi, che sono volati tra un successo e l’altro.
GIGI PROIETTI
Sarebbe impossibile o quantomeno riduttivo riassumere in poche righe la parabola artistica e personale di Gigi Proietti, dai piccoli palcoscenici del teatro cantina degli anni ’60 , alle platee oceaniche del Teatro Tenda, dalle prime esperienze musicali come cantante da night alle incursioni fortunatissime nei Teatri d’Opera, dalla commedia musicale ai classici della drammaturgia. Proietti è ed è stato in tutti questi anni attore e musicista, autore e regista, produttore e direttore di Teatri, e non in ultima battuta maestro di attori. Per non parlare poi del cinema e della televisione.
E’ doveroso ricordare quanto Gigi Proietti, durante tutti questi anni abbia costruito e mantenuto un fortissimo e singolare rapporto con il suo pubblico. Il teatro ha luogo laddove la comunità si dà dei ruoli: chi ascolta e chi parla, chi guarda e chi agisce. E questo accordo è tanto convenzionale quanto misterioso. Questo significa che la teatralità non può prescindere dalla realtà che la produce, dal territorio che la anima. Tutto ciò non è ovvio e tanto meno retorico. Lo sa bene Gigi Proietti e il suo pubblico dimostra di capirlo e di sentirlo.Dal primo “A me gli occhi please” (1976) Proietti propone di fare uno spettacolo innovativo e che dopo produrrà innumerevoli tentativi d’imitazione : un attore che dispone solo dei propri mezzi espressivi, che si serve della propria memoria e della propria tecnica, che costruisce una drammaturgia scenica mescolando frammenti di testo anche incompatibili, lasciandosi sorprendere ogni volta dalle infinite possibilità del palcoscenico. Tutto ciò conservando la voglia di partecipare al gran gioco del teatro.